Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

"Librino è il quartiere di Catania con il minor numero di reati"

Secondo la Prefettura le stastiche ribalterebbero la percezione generale di insicurezza nel territorio

domenica 25 ottobre 2009, di Giovanni Giuffrida

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

”Librino è il quartiere di Catania con il minor numero di reati e con il maggior numero di arresti ma nonostante questo la gente ha un senso di insicurezza” questa è la dichiarazione introduttiva del rappresentante del prefetto di Catania durante la riunione straordinaria del consiglio comunale svoltosi alla IX municipalità domenica 11 ottobre 2009.

Alla basi di queste dichiarazione stanno dei report statistici che, visti dall’esterno, sembrano dare al quartiere una altra veste facendo apparire Librino come un quartiere da prendere a modello. La realtà però è ben diversa e si discosta dall’idea data da questi numeri ed i primi a saperlo sono le persone che ogni giorno vivono il quartiere che chiedono a gran voce più controlli da parte delle forze dell’ordine.

In tal senso la richiesta di maggiori fondi per la sicurezza, per autovetture e personale in servizio, sembra essere in contrapposizione con quanto dichiarato durante lo stesso incontro in cui si scopre che “Le risorse a disposizione della polizia di stato sono state sfruttate al massimo … la legge finanziaria ha già previsto lo stanziamento di fondi per le criticità urbane”.

“Per il futuro - continua l’intervento - si sta già lavorando per la costruzione della cittadella della polizia, per l’istallazione di un sistema di video sorveglianza nella zona e per il trasferimento del comando dei carabiniere a villa Papale”.

Di quanto dichiarato sopra non vi è ancora traccia: i lavori per la costruzione della cittadella della polizia non sono nemmeno cominciati, idem per l’istallazione della video sorveglianza mentre il trasferimento dei carabinieri sembra una storia infinita degna delle migliori soap.

Di certo, come sottolineato sempre nello stesso intervento, le famiglie e la scuola devono per prime educare i ragazzi con dei valori sani insegnando loro il significato di senso civico. Non possiamo permetterci di demandare alla polizia compiti che non gli appartengono lasciandoli soli come ultimo baluardo della sicurezza nel quartiere; educare e crescere i ragazzi in un ambiente sano, questa è la strada da seguire e nelle quale le famiglie devono essere sorrette e mai lasciate sole.




I più letti

SetteGiorni