Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la cittą dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicitą

Addiopizzo Catania ha una sede

Disponibilitą della Confcommercio in attesa che il Sindaco consegni l’immobile confiscato alla mafia

martedì 9 giugno 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Riceviamo e pubblichiamo da Addiopizzo-Catania:

Addiopizzo Catania ha trovato nuova sede nei locali della ASCOM Confcommercio Catania. Pertanto, da lunedģ 15 giugno, le nostre riunioni si terranno in via Mandrą 8, nell’attesa di poter usufruire del bene confiscato insieme a Libera. Ringraziamo di vero cuore, oltre alla Confcommercio nella persona del presidente Galimberti per la grande disponibilitą e ospitalitą, tutti coloro che hanno riposto al nostro appello: la Chiesa di SS Pietro e Paolo di via Siena e la CGIL, che ci hanno permesso di non restare neanche per un attimo senza un tetto sopra la testa, gli amici del Gapa, della Fondazione Fava e di Talitą Kum, La Periferica, il sindaco Crocetta, Acli, Pd, ASAEE, il Centro Astalli, il CSVE e il Centro di Iniziativa Omosessuale Politica e Culturale PEGASO, che ci hanno subito offerto ospitalitą concretamente, e tutti gli amici e sostenitori che l’hanno fatto simbolicamente.

La scelta della sede della Confcommercio non risponde solo a precise esigenze logistiche, di spazi e di organizzazione, ma vuole essere anche fortemente simbolica, essendo la collaborazione con i commercianti e gli esercenti della nostra cittą di fondamentale importanza per la nostra attivitą di lotta al racket delle estorsioni.


vedi anche
- La mafia fa schifo, ma anche la burocrazia non č bella
- Pignorata la casa a Graziella Proto: L’Antimafia resta sola?
- Casa delle Associazioni: tra sogno e realtą
- La Rete delle Associazioni a Librino chiede una "Casa comune"




I pił letti

SetteGiorni