Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Andrea Tassone nuovo Presidente CONFAPI Giovani di Apindustrie Catania

mercoledì 18 marzo 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Andrea Tassone è il nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Apindustrie Catania, eletto con voto unanime dall’Assemblea dei Giovani riunitasi presso la sede dell’Associazione.

Catanese, 32 anni, Andrea Tassone è imprenditore e responsabile commerciale della OSAnet, azienda informatica associata al Distretto Etna Valley. Opera principalmente nel settore della P.A. in Sicilia.

Negli ultimi due anni ha fatto parte della Giunta di Presidenza del Gruppo Regionale di Confapi Giovani Sicilia, con la delega alla promozione & comunicazione.

Il neo presidente, è attualmente impegnato alla riattivazione di UNIMATICA, che all’interno di Apindustrie Catania, raggruppa le imprese del settore ICT e indotto. Informatizzazione, progettazione, elaborazione e trasformazione dei dati. Durante l’insediamento alla nuova carica, Andrea Tassone ha ringraziato vivamente Roberta Tarro, presidente uscente, per l’attività e l’ottimo lavoro svolto in questi anni.

Il neopresidente, è passato quindi ad illustrare i punti salienti del suo programma per il prossimo triennio. Le priorità, ha dichiarato, saranno: agevolare la crescita imprenditoriale facendo sistema e favorendo la creazione di reti virtuali; promuovere progetti formativi per lo sviluppo delle Imprese; avvicinare i giovani alle imprese e alla cultura d’impresa, attraverso progetti mirati; promuovere e sviluppare i rapporti tra i giovani imprenditori, i senior di Apindustrie, le Università e le Istituzioni Regionali; promuovere il dibattito, la divulgazione e la ricerca di nuove soluzioni ai problemi sociali, politici, economici e tecnici intrinseci all’attività imprenditoriale; promuovere e sviluppare i rapporti tra i gruppi territoriali dei Giovani Imprenditori, favorendone l’interscambio, grazie ad un sempre e più razionale utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione.




I più letti

SetteGiorni