Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Arrivano gli scout: Giochi, balli e tanta gioia

venerdì 4 gennaio 2008, di Roberta Abate

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Portare un sorriso: è questo l’obiettivo che i clan dei gruppi scout CT 14° e CT 19° si sono prefissati al momento in cui hanno deciso di aiutare i bambini meno fortunati delle case famiglia, delle caritas e degli altri centri di assistenza della città di Catania. I ragazzi, armati di buona volontà e tanta pazienza, hanno sponsorizzato attraverso volantini un’attività di raccolta giocattoli usati alla quale molte famiglie hanno aderito spinti sicuramente dalla volontà di liberare stanze piene di giocattoli ormai in disuso dai propri figli cresciuti ma, pur sempre, da uno spiccato senso di solidarietà. I giocattoli raccolti sono stati accuratamente catalogati in base ad età e sesso, puliti e simpaticamente incartati affinchè venissero smistati nei vari centri. Successivamente, i ragazzi hanno pensato di poter organizzare una simpatica festicciola con i bambini della CARITAS del quartiere Librino dove il 23 Dicembre sono arrivati con gran parte dei regali che avevano raccolto durante la settimana ma anche tutto l’occorrente per animare quello che sarebbe stato un bel pomeriggio in compagnia. Attraverso giochi, balli di gruppo e quant’altro, i ragazzi sono riusciti a far trascorrere un pomeriggio "diverso" a questi bambini che purtroppo, a volte, sono trascinati in realtà che non permettono loro di vivere serenamente l’età che hanno. Alla fine della serata, un simpaticissimo Babbo Natale ha distribuito tutti i regali che erano stati portati ed è stato davvero emozionante poter vedere sui volti di quei bambini la curiosità che li animava nello scartare quei pacchi. Tra le considerazioni dei ragazzi, alla fine di quest’esperienza, non si può omettere che quel pomeriggio sia stato sicuramente divertente ma, soprattutto gratificante perchè i sorrisi di quei bambini hanno acceso in loro uno spiraglio di speranza e voglia di mettersi a disposizione degli altri, cosa che continueranno a fare come scouts e come persone.




I più letti

SetteGiorni