Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Bianco: I valori del Pd sono lontani mille anni luce dai comportamenti di Lombardo

Intervento del Senatore PD sul referendum ennese in merito all’appoggio del partito al Governo Lombardo

giovedì 9 dicembre 2010

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

«Come volevasi dimostrare – afferma Enzo Bianco, Presidente dei LiberalPd - dai primi risultati del referendum lanciato dal Pd a Enna e in alcuni comuni della provincia emerge una straordinaria partecipazione popolare, addirittura superiore alle primarie per l’elezione dei segretari regionale e nazionale del partito. Quando si propongono quesiti chiari i nostri elettori rispondo. E ad Enna sono stati sconfitti quelli che nel partito si arroccano in atteggiamenti poco coerenti e autoreferenziali». «Chi pensava che la base del Pd potesse digerire se non addirittura sostenere l’incredibile operazione di appoggiare il governo Lombardo – aggiunge Bianco - adesso è servito. La stragrande maggioranza degli elettori ha espresso un giudizio negativo sul piano politico e sul piano morale sul presidente della Regione e non digerisce la scelta di appoggiare chi è stato avversario nella competizione elettorale. I valori del Pd sono lontani mille anni luce dalla storia politica e dai comportamenti di Raffaele Lombardo! I numeri del referendum – conclude Bianco - sono chiari come la luce del sole e la dirigenza del partito non può non tenerne conto. Ora sarebbe incomprensibile non promuovere un referendum in tutta la Sicilia. E non si accampino difficoltà burocratiche; è solo questione di volontà politica, quella di sentire i nostri elettori. Rinnovo la richiesta di promuovere un referendum in tutta la Sicilia».




I più letti

SetteGiorni