Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Bianco (PD): lettera aperta a presidente SAC

lunedì 13 ottobre 2008

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Lettera aperta del Senatore Enzo Bianco (PD) al presidente della SAC Gaetano Mancini:

Caro Presidente,

in ragione del mio lavoro, più volte ogni settimana transito dall’aeroporto di Catania. Un’aerostazione finalmente decorosa per la città, che dopo tanti anni e anche grazie all’impegno profuso dalla giunta che ho guidato negli anni Novanta, può finalmente fregiarsi di una struttura moderna e all’avanguardia. Nel manifestare apprezzamento personale al Presidente della Sac, non posso però non rilevare alcune lacune nel funzionamento dell’aeroporto che di certo stonano con la sua rinnovata struttura.

In particolare mi riferisco all’eccessiva e sempre presente coda per passare dal varco dei controlli al piano partenze. Una coda che spesso rischia di far perdere l’aereo a molti passeggeri, talvolta costretti a “manovre ardite” pur di riuscire a recarsi in tempo utile agli imbarchi. Come è successo più volte questa estate, quando era possibile rimanere in coda persino un’ora e mezza.

Mi riferisco inoltre alla indecorosa situazione degli spazi esterni, ancora non curati e bui a distanza di molti mesi dal termine dei lavori, così come alla condizione in cui versa la vecchia aerostazione, chiusa con pannelli di metallo e filo spinato, in evidente abbandono, ricettacolo di rifiuti. Non è certo un buon biglietto da visita per chi arriva in città.

Ne approfitto dunque per chiederLe:

* se è vero che i varchi dei controlli sono tutti sempre aperti; * se è vero che nei periodi di maggiore sovraffollamento, questa estate, i contratti per i lavoratori stagionali non sono stati rinnovati e il personale è stato costretto a lavorare in condizioni di disagio, con turni molto pensanti; * se non è possibile disciplinare con maggiore attenzione l’accesso alla serpentina che conduce ai varchi di controllo, magari con addetti aeroportuali appositamente assegnati; * cosa intende fare - o se lo sta facendo, in che tempi - la Sac per eliminare i suddetti problemi e dare finalmente consona sistemazione agli spazi esterni, anche al fine di garantire la sicurezza dei passeggeri che escono o si recano in aeroporto.

Catania e i catanesi chiedono alla Sac risposte sollecite, che pongano fine a situazioni che vanno avanti ormai da troppo tempo. Altrimenti sarà necessario richiedere l’intervento dei soggetti preposti alla vigilanza, quali l’Enac.




I più letti

SetteGiorni