Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Briganti in festa per la nuova stagione

martedì 6 ottobre 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Il 26 settembre il quartiere di Librino ha vissuto una giornata di festa all’insegna del rugby. Nello scenario, purtroppo semiabbandonato, della piazza dell’Elefante, la squadra dei briganti rugby Librino ha presentato alla stampa ed ai suoi tifosi e sostenitori il proprio programma per la stagione alle porte. Mentre la piazza si animava con mini tornei di rugby touch del Catania Rugby Fest che hanno coinvolto i tesserati ed i ragazzini del quartiere, il presidente della società sportiva Stefano Curcuruto interveniva sottolineando che per il secondo anno consecutivo i briganti parteciperanno al campionato nazionale di serie C di rugby.

"Il nostro intento - sostiene Curcuruto - è proprio quello di costruire un approdo agonistico per i giovani del quartiere che stanno partecipando ai campionati giovanili con la maglie dei briganti rugby. Ragazzi che, proprio come oggi pomeriggio, incontriamo negli spazi aperti di un quartiere che poco o nulla è in grado di offrire ai suoi residenti."

La squadra di serie C dei briganti è un vero e proprio melting pot di ragazzi con discreta esperienza di gioco e ragazzi che si approcciano al rugby da pochissimo. Umberto Bonaccorsi, coordinatore del settore tecnico della squadra è convinto che la prossima stagione riserverà grandi soddisfazioni ai briganti. "In effetti, la squadra è ancora un cantiere aperto, ma questa è una proiezione delle intenzioni della società che lascia la porta aperta a chiunque voglia condividere il nostro progetto che è sportivo ma anche e soprattutto sociale; in ogni caso si parte con un anno di esperienza alle spalle e con tanti giovani e meno giovani che vogliono divertire e divertirsi in un modo intelligente e partecipativo. Da questo punto di vista il nostro campionato è già vinto ancor prima di cominciare a giocare." Purtroppo le partite in casa non potranno essere giocate - almeno per i primi mesi di campionato - nella casa del rugby cittadino, il S. M. Goretti. "Proprio così - precisa Piero Mancuso, responsabile del settore giovanile dei briganti - il manto del Goretti è in rifacimento, per l’ennesima volta, e questo ci costringerà ad emigrare a Nicolosi per giocare le partite "in casa" di campionato. Li saremo ospiti della società San Gregorio Catania, che ancora una volta ci ha dimostrato con i fatti amicizia e spirito di collaborazione. Ma il problema campi riguarda anche le giovanili e gli allenamenti della prima squadra. In questa fase di penuria di impianti, la serie C si allena a San Gregorio, mentre le giovanili faranno la spola con San Giovanni Galermo, dove la cooperativa Prospettiva ci ospita nel proprio campetto; il comune di Catania ci aveva offerto per i piccoli una soluzione temporanea, ma abbiamo preferito risparmiare le spese del campo accettando l’invito della cooperativa con l’auspicio di inserire anche i loro ragazzi nelle nostre attività. Naturalmente questa è una condizione di transitorietà, poichè siamo in attesa che si risolva la questione legata alla riapertura del campetto dell’impianto San Teodoro, qui nel quartiere dove lavoriamo e dove vorremmo tornare in pianta stabile. Il San Teodoro è stato dato in gestione al calcio Catania che aprirà una scuola calcio per bambini, ma secondo quanto discusso con il dirigente Lo Monaco, l’assessore Scalia, e la presidente di municipalità Gioia, dovrebbero essere concessi dei turni anche al rugby dei briganti, sarebbe proprio una beffa perdere la possibilità di utilizzare quell’impianto per il quale ci battiamo da quando abbiamo costituito la società e che ha visto muovere i primi passi rugbistici ai ragazzini del quartiere!"

In effetti come dimenticare che i briganti portano in giro per la Sicilia la parte sana di Librino, dove si sono conquistati il rispetto e la stima di tutti i loro avversari per la correttezza in campo e per la grande accoglienza che viene riservata alle squadre ospiti, capovolgendo con il loro modo di vivere lo sport la visione negativa che spesso viene associata a questo difficile quartiere di periferia. Ma adesso la parola passa al campo di gioco: l’11 ottebre parte il campionato di serie C e la settimana seguente inizia la stagione dei piccoli briganti, per ogni informazione www.ibrigantirugbylibrino.it




I più letti

SetteGiorni