Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Il commento ai dati forniti dall’azienda sulla composizione dell’organico del sito catanese

CISL su assunzioni Ikea: notizie positive, ma le cifre dicono anche altro

Tanti i laureati. Largo ricorso al part-time. Elevata età media per la prima occupazione. "Auspichiamo corrette relazioni sindacali in considerazione delle specificità territoriali etnee"

mercoledì 9 febbraio 2011

Vota quest'articolo
voti:1

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

"Non possiamo che ribadere la positiva accoglienza della notizia perchè avere un insediamento come quello dell’Ikea rappresenta una boccata d’ossigeno per tutta la sofferente economia etnea. Ma i numeri dicono anche altro". Lo dicono Angelo Villari, Alfio Giulio e Angelo Mattone, segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Catania, commentando i dati sulle assunzioni nell’insediamento di Catania fornite dall’Ikea.

"Dalle cifre fornite - aggiungono i tre segretari - non possiamo che constatare come l’elevata presenza di giovani laureati tra le file degli assunti dimostra ancora una volta la sete di lavoro esistente a Catania nelle giovani generazioni e l’alta percentuale di disoccupazione intellettuale. Amareggia poi vedere come si arrivi spesso alla prima occupazione all’età vicina ai trent’anni. Largo è ricorso al part-time e su ciò pensiamo che Ikea avrebbe potuto mostrarsi anche più generosa". Villari, Giulio e Mattone, inoltre, ricordano la vertenza degli ex lavoratori Cesame, parte dei quali avrebbe dovuto trovare occupazione nel nuovo insediamento Ikea: "l’azienda avrebbe potuto essere più disponibile e accogliere un numero maggiore di lavoratori fuoriusciti da una gloriosa realtà produttiva come Cesame e portatori di professionalità ed esperienza uniche". I segretari di Cgil, Cisl e Uil si soffermano, infine, sulle relazioni sindacali che saranno intrattenute con l’azienda: "Ci aspettiamo che siano corrette e improntate al reciproco rispetto dei ruoli, sia con le federazioni di categoria interessate sia a livello confederale. Ci auguriamo anche che si tenga conto delle specificità socio-economiche del territorio etneo, poiché le organizzazioni sindacali catanesi hanno dato prova di grande responsabilità e considerazione dei ruoli in tutta la vicenda che ha portato l’Ikea a Catania".




I più letti

SetteGiorni