Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Cgil Librino: su Villa Fazio scoop grotteschi

Sara Fagone e Giusi Milazzo intervengono sul blitz dei vigili urbani nella struttura e sull’articolo de La Sicilia

mercoledì 23 settembre 2009

Vota quest'articolo
voti:2

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Riceviamo e pubblichiamo:

In riferimento alle periodiche dissertazioni e ai più o meno grotteschi scoop su villa Fazio a Librino, vorrei rammentare a quanti continuano a soffrire di amnesia storico-politica alcuni passaggi.

Nel lontano 1996 si unirono in associazione la UISP, le cooperative Amiconi e Risveglio e la parrocchia Resurrezione del Signore, costituendo appunto “l’Associazione Villa Fazio”, per statuto il presidente protempore sarebbe stato sempre il presidente della UISP.

Questa Associazione gestiva villa Fazio e rendeva la struttura fruibile al quartiere intero, organizzando i ragazzini di librino nei vari sport, togliendoli da cattive tentazioni che un quartiere ai margini della centralità cittadina può indurre, adempiendo di fatto alla legge N° 216 del 19 luglio 1991, motivo per cui era sorta l’associazione di cui sopra e di conseguenza affidata Villa Fazio.

Le attività dell’associazioni continuarono fino al 2000, anno in cui non venne più rinnovata la convenzione.

A questo punto, con la nuova amministrazione, la struttura venne affidata al parroco della chiesa di borgo librino, e da allora non è stata più utilizzata per scopi sociali, sportivi e ricreativi, ma saltuariamente adoperata come stalla, così come denunciato dal consigliere Vullo in una seduta del consiglio comunale, e quindi lasciata all’incuria del tempo e dei vandali.

La cgil di librino che dal 2004 lavora nel quartiere, e che tra le varie attività, mette in rete le diverse realtà che lavorano silenziosamente a Librino ha più volte sollecitato le istituzioni affinché la struttura venisse condivisa dalle associazioni che operano nel quartiere, ripristinando di fatto lo scopo della legge 216/91 ( ampliata con 285/97) sugli interventi in favore dei minori soggetti a rischio di coinvolgimento in attività criminose, l’ultima richiesta di incontro è stata fatta alla municipalità nel luglio scorso.

Ora, così come si legge nell’articolo di C.M. su “La Sicilia” del 22/09/2009, “Adesso bisognerà risalire a coloro i quali l’avevano in gestione, per imporre a questi soggetti di ripristinare lo stato delle cose e riconsegnare al quartiere una struttura idonea alla pratica sportiva”, anche noi siamo in attesa, di avere una giustizia e far assumere le giuste responsabilità a chi le ha, ma non c’è bisogno di fare tante ricerche.

E poi mi sembra al quanto strano che i vigili urbani facciano un blitz a Villa Fazio, come se l’amministrazione comunale non sapesse a chi è l’abbia assegnata.

A questo punto, così come previsto nella Piattaforma per Librino, redatta dalla rete delle associazioni e con le scuole, Villa Fazio, il teatro Moncada e gli altri impianti presenti nel territorio ritengo importante che vengano affidate alle associazioni e ai comitati di quartiere che a Librino lavorano e si ostinano a non mollare.

Ridare al quartiere la speranza di poter migliorare la condizione attuale, poter usufruire degli spazi pubblici per scopi sociali è indispensabile al processo di rieducazione sociale e di autodeterminazione.

Pertanto chiediamo all’amministrazione di incontrarci e cominciare un percorso comune e condiviso riguardo il futuro di questo quartiere.

Sara Fagone
Camera del lavoro di Librino

Giusi Milazzo
Camera del lavoro Catania


vedi anche
- Enzo Bianco a Librino sgrida il Sindaco, ma anche il PD ha le sue colpe
- Villa Fazio abbandonata e ridotta a discarica
- Villa Fazio e le dimenticanze di don Santino Salamone
- ’ucuntu n.ro 49 - Attenti agli operai

Portfolio




I più letti

SetteGiorni