Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Comunicato Liberal Pd su Teatro Massimo

mercoledì 4 marzo 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

"Quello che sta accadendo nelle ultime settimane è mortificante nei confronti del Teatro Massimo di Catania e della città. La colpa è ancora una volta della politica che anche nelle scelte artistiche e manageriali non riesce a fare un passo indietro". E´ l´accusa riportata in una nota dei Liberal Pd di Catania.

"Le questione legali - attaccano i Liberal Pd - le lasciamo agli avvocati e ai magistrati. Ma già il solo fatto che la gestione del più importante ente culturale della città sia finito con ricorsi e miseri formalismi è uno scandalo. In una città allo sbando sotto il profilo socio-economico, spenta da molti punti di vista, dove teatri ed associazioni culturali chiudono per fallimento, è inaccettabile che una delle poche istituzioni che dovrebbero funzionare, poiché finanziata in larga parte dalla Regione, sia colpita da una crisi così grave".

" Poco ci appassionano le logiche che hanno fatto diventare un caso politico, quello che dovrebbe essere invece un bene della comunità. A noi interessa più che si salvi l’Ente e che si salvi la lirica a Catania. Solo pochi giorni fa, in un convegno, parlavamo di “merito”. Bene, riteniamo che su questo concetto dovremmo discutere e riflettere, e non su semplici appartenenze partitiche."

"Chiediamo - concludono i Liberal Pd di Catania - alla Regione e al Comune di guardare con maggior rispetto alle esigenze artistiche, culturali e manageriali della città di Catania, di tutelare le altissime professionalità che lavorano nel teatro catanese e di nominare subito un responsabile guardando al "merito" e non al bilancino politico. Il Teatro Massimo vale più delle beghe di Palazzo".




I più letti

SetteGiorni