Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Coraggio di parlare Educazione: deterrente per arginare il fenomeno dell’estorsione

venerdì 25 febbraio 2011

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Spesso, guardando il telegiornale o leggendo il giornale, abbiamo sentito parlare di estorsione. L’estorsione è un reato che delinquenti e mafiosi continuano a commettere. Il pizzo, così anche viene chiamato, è il reato di chi, con violenza o minaccia, costringe, per trarne vantaggio, un operatore economico al pagamento periodico di una somma in cambio di una presunta offerta di protezione. Questo fenomeno può iniziare con piccoli atti di prepotenza compiuti da ragazzi per ottenere quello che vogliono a danno di deboli vittime, che non hanno il coraggio di reagire. Non è sempre facile denunciare coloro che intimidiscono, esercitando pesanti pressioni e soprusi. La lotta contro ogni illegalità inizia dalla scuola, dal rispetto degli altri e dalla convivenza civile. Obiettivo è quello di educare alla legalità con azioni didattiche, testimonianze, collaborazione sul territorio e tra istituzioni diverse. Se, infatti, si fa educazione preventiva si può contrastare il fenomeno. Gli insegnanti, attraverso l’educazione alla legalità ed esempi di vita quotidiana, ci spiegano come bisogna reagire di fronte ad episodi di bullismo e trovare sempre il coraggio di parlare con gli adulti, denunciando il disagio che si vive. Del resto tacere episodi del genere significa perdere la propria libertà e vivere nell’incubo di essere costantemente perseguitati dagli estortori che chiedono sempre di più. Tutto ciò lede la dignità dell’Uomo che diventa un burattino nelle mani di pochi furbi, vigliacchi ed incapaci di lavorare e guadagnare in modo onesto e faticoso. Inoltre, le estorsioni hanno un altro effetto collaterale, quello di rendere le vittime, così umiliate, molto insicure nell’affrontare altri aspetti del quotidiano, anche in prospettiva di una vita futura. Noi giovani, riflettendo su queste cose, dobbiamo impegnarci per conquistare e mantenere due grandi valori: democrazia e libertà. Vogliamo crescere liberi con la certezza di poter realizzare tutti i nostri progetti di vita.

Benjaafar Ghassen, Millesi Aurora, Messina Anna, Belladonna Irene, Fazzio Jessica




I più letti

SetteGiorni