Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

E adesso andiamo Oltre la Periferica

venerdì 12 settembre 2008

Vota quest'articolo
voti:1

Facendo tesoro delle esperienze maturate, si è deciso di costituire l’associazione “Oltre La Periferica”, con l’intenzione di portare avanti il lavoro iniziato con questo mensile ed intraprendere nuovi iniziative: siamo convinti che per poter cambiare le cose occorra partire da chi vive il territorio.


  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Il giornale “La Periferica” nasce ad Ottobre 2007 come strumento di informazione e denuncia, messo a disposizione di tutta la popolazione della periferia sud di Catania.

A distanza di quasi un anno però si è sentita forte l’esigenza di fare un passo avanti, non fermandosi a quanto si è fatto e concretizzare le richieste e proposte provenienti da numerose persone che vivono quotidianamente il territorio e che chiedono con forza un cambiamento. Facendo tesoro delle esperienze maturate, si è deciso dunque di costituire l’associazione culturale “Oltre La Periferica”, con l’intenzione di portare avanti il lavoro iniziato mesi fa ed intraprendere nuove iniziative.

L’associazione si propone di evidenziare le molteplici potenzialità del territorio delimitato dal piano di zona di Librino (Librino, Villaggio Sant’Agata, Pigno, Zia Lisa, San Giorgio), ponendosi come punto di incontro per gli abitanti del quartiere. L’intenzione è quella di fornire i mezzi per un riscatto sociale, ponendosi come riferimento per le realtà già operanti nel quartiere.

Le idee che intendiamo portare avanti, quindi, sono sempre le stesse che hanno distinto il nostro servizio nel territorio fin dall’inizio: lavorare in rete coinvolgendo attivamente le varie realtà presenti nel quartiere. Siamo sempre più convinti, infatti, che per poter cambiare le cose che non vanno occorra far partire le proposte dal basso, da noi che abitiamo il quartiere e viviamo giornalmente sulla nostra pelle i disservizi e le carenze presenti.

La mancanza di illuminazione nelle strade, la carenza di luoghi di ritrovo per anziani e ragazzi, il degrado in cui versano le strutture ricreative e sportive sono ormai sotto gli occhi di tutti.

Le denunce fatte fino ad ora sul nostro giornale hanno permesso di fare conoscere i problemi ma, praticamente, è cambiato poco o nulla da un anno a questa parte a causa della completa assenza delle istituzioni comunali.

Siamo coscienti della necessità di diventare un’unica voce, per essere più forti e farci ascoltare da chi da troppo tempo ha finto di non sentire. Questo è ciò che ci impegniamo a portare avanti: iniziare insieme un percorso che ci permetta di essere al centro delle scelte che verranno fatte per il nostro quartiere.

Noi tutti insieme dobbiamo essere protagonisti e promotori di un cambiamento per il nostro presente, pronti a lottare per migliorare il nostro futuro.

L’associazione “Oltre La Periferica” è pronta ad accogliere e sostenere tutti quelli che non hanno paura di sbracciarsi le maniche per lavorare nel quartiere e per il quartiere.

Che siano giovani o anziani, lavoratori o disoccupati, religiosi o laici non è rilevante, l’unica cosa che importa è che abbiano a cuore le sorti del loro quartiere.

1 Messaggio

  • E adesso andiamo Oltre la Periferica

    5 marzo 2010 19:27, di elisa

    bravi ragazzi è bello crederci, io come voi sono un’assistente sociale che opera nel quartiere zen di palermo. vivo anche in questa periferia da qualche anno e con gli altri ragazzi mettiamo in moto tutte le risorse necessarie per fare vedere che non c’è solo degrato ma anche persone come noi che hanno volgia di dare un’immagine diversa. Ho fondato un’associazione onlus per aiutare tante familgie, è puro volontariato lavoriamo tanto ma andiamo a letto gratificati dal fatto che aiutiamo chi ha bisogno di noi. Se volete rispondetemi a presto Elisa




I più letti

SetteGiorni