Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Hotel Librino - il quartiere guarda se stesso... e discute

Presentazione del documentario vincitrice del premio “Ilaria Alpi” 2007

martedì 11 marzo 2008, di Genny Mangiameli

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Si è tenuta recentemente nel salone del centro della Caritas di Librino, Talità Kum, la presentazione del video “Hotel Librino”, autrice la giornalista Rosa Maria Di Natale. La serata introdotta da Giuliana Gianino, responsabile Centro Talità Kum e moderata da Luca Cangemi del laboratorio Pasolini, ha visto la partecipazione, in primis, della giornalista Rosa Maria Di Natale e di associazioni ed enti che operano da alcuni anni nel territorio del quartiere protagonista del video. Tra tutti: la Cgil librino, l’ oratorio Giovanni Paolo II, la redazione de “la Periferica”, il centro Iqbal Masih, Librino attiva, Officina culturale South Media circolo Arci. Perchè questo incontro? Principalmente per dar voce ad un dibattito libero e rispettoso tra chi vive la realtà del quartiere, da abitante o da operatore, e vuole riscattare quella dignità compromessa da ormai troppo tempo avviando un confronto costruttivo in grado di rigenerare la parte malata di uno dei contesti più discussi della città di Catania. Seppur i toni del dibattito siano stati molto pacati non sono mancati gli interventi accorati dei residenti dell’ormai tristemente famoso Palazzo di Cemento che in realtà dovrebbe essere individuato con la semplice dicitura di “Viale Moncada n° 3”! La seconda motivazione è legata al premio “Ilaria Alpi”. Tutti ricordano la giornalista del Tg3, barbaramente uccisa in Somalia il 20 marzo 1994 insieme all’operatore Miran Hrovatin. Il premio a lei intitolato, organizzato con la collaborazione della RAI, dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna e della Federazione Nazionale della Stampa Italiana con l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, è finalizzato a premiare coloro che nel campo del reportage e dell’inchiesta televisiva dimostrino impegno riguardo i temi della pace e della solidarietà. La manifestazione che si tiene ogni anno a Riccione, giunta nel giugno 2007 alla tredicesima edizione ha visto vincitrice proprio Rosa Maria Di Natale autrice del video Hotel Librino – si legge nella motivazione - “per aver realizzato un’inchiesta in una periferia urbana degradata trasformandola in un viaggio alla scoperta di errori ed omissioni, di utopie e indifferenza da parte di una politica locale distratta ed disinteressata”. E’ doveroso aggiungere che il meritato riconoscimento andato alla brava giornalista catanese non è dovuto solo all’aver autoprodotto un’accurata inchiesta sulle abitazioni fatiscenti ma anche per avere raccontato con garbo le storie di vita degli abitanti di un quartiere periferico che nonostante le storiche promesse e le pazienti attese continuano a sognare un futuro vero in una casa decorosa.




I più letti

SetteGiorni