Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Intecettazioni telefoniche: quando i mafiosi si incontrano al bar

lunedì 9 febbraio 2009

Vota quest'articolo
voti:1

Nell’intervista pubblicata sulla rivista del Centro Studi Pio La Torre, Giancarlo Caselli fa il punto sui limiti imposti dai progetti di legge in merito alle intercettazioni telefoniche. Se passasse il progetto originario diventerebbe difficile intercettare i mafiosi... a meno che questi non si incontrino al bar o nella pubblica piazza del paese.


  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong
JPEG - 62.9 Kb
Gian Carlo Caselli

Giancarlo Caselli è stato procuratore capo antimafia a Palermo, nel posto lasciato da Antonino Caponnetto dopo le stragi di Capaci e Via D’Amelio. Il giorno del suo arrivo segnò uno dei colpi decisivi ai corleonesi, con l’arresto di Totò Riina u curtu, anima nera della mafia stragista. Dopo quell’esperienza, e dopo una legge contra personam che lo ha escluso dalla Direzione nazionale antimafia, ha diretto il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Dal 2001 fa parte di Eurojust, l’organizzazione contro la criminalità organizzata a livello europeo. Oggi è il procuratore generale di Torino, dove è ritornato e dove negli Anni Settanta e Ottanta aveva condotto importanti inchieste contro il terrorismo. Lo abbiamo intervistato nella veste di magistrato da trent’anni in prima linea, per parlare di quel luogo comune che sta diventando la “malagiustizia”.

Dottor Caselli, lei ha avuto l’opportunità di “visitare” dal di dentro il funzionamento della macchina giudiziaria da Palermo a Torino, dunque su un orizzonte molto vasto e segnato da fattori ambientali diversificati. In particolare, il suo sguardo da procuratore che cosa vede che non va, e con quali responsabilità dal lato del sistema giudiziario e dal lato della politica?

Guardi, come ho fatto in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario, io voglio partire da una questione decisiva, che è quella delle intercettazioni. Insisto su questo aspetto perché le proposte che oggi ruotano attorno alle intercettazioni rischiano di porre ai magistrati seri impedimenti a procedere. Come ho detto nel mio intervento qualche giorno fa, circa otto mesi fa il Consiglio dei ministri approvò un progetto di legge sulle intercettazioni che prevedeva una drastica riduzione degli ambiti di operatività di questo strumento, assolutamente irrinunciabile se si vuole che le indagini per fatti di un qualche rilievo possano ottenere buoni risultati. Per tutta una serie di reati, anche gravi, le intercettazioni in quel progetto erano vietate.

Quali reati?

Il sequestro di persona, l’estorsione, la rapina, l’associazione per delinquere, lo stupro e la violenza sessuale, la bancarotta fraudolenta, le frodi fiscali, anche il furto in appartamento, la calunnia, lo sfruttamento della prostituzione.

Ci sono però due problemi: uno, che provoca molto allarme sociale, dal lato della sicurezza dei cittadini ma anche del diritto alla riservatezza e delle garanzie democratiche basilari. L’altro riguarda il fronte delle indagini, su cui - come lei dice - le procure rischiano di fermarsi, perché è messa in forse la perseguibilità dei reati. Come se ne esce?

Siamo di fronte a due diverse categorie di indagine. Per mafia e terrorismo si può ancora intercettare, anche se le intercettazioni ambientali sono a rischio quando si tratti di attivarle in luoghi in cui non si compiono materialmente attività criminali.

Può spiegarlo meglio?

Le faccio un esempio pratico: se io so che Riina e Provenzano si incontrano in automobile, o in un bar o al ristorante, siccome i delitti di mafia non li compiono parlando al bar o al ristorante, io non posso più intercettare quello che Riina e Provenzano potrebbero dirsi. Le pare poco?

Mi pare che si apra un grosso problema. Ma, rispetto al progetto originario, non ci sono stati dei ripensamenti?

Sì. Si era deciso di allargare il numero dei reati intercettabili. Ma poi il presidente del Consiglio ha ribadito di volerli limitare a mafia e terrorismo. Io ho pensato che fossero solo schermaglie. Senonché alcuni giorni fa il governo ha presentato degli emendamenti che rischiano di essere un siluro sotto la linea di galleggiamento delle intercettazioni. E a questo proposito voglio essere chiaro e netto: rivendico di poter fare tutte le osservazioni che la mia esperienza professionale mi suggerisce fino a che una proposta non è legge. Perché quando diventa legge il magistrato, non ci piove, poi la deve applicare lealmente.

Ci spiega questa storia della limitazione ai «gravi indizi di colpevolezza»?

In base all’emendamento del governo, mentre per i reati di mafia e terrorismo la formula per le intercettazioni parla di «sufficienti indizi di reato», per tutti gli altri delitti che vanno - a proposito di sicurezza - dalla rapina all’omicidio, dal traffico di droga allo stupro, oppure - a proposito di reati societari o finanziari - dalla corruzione all’aggiotaggio, occorrono invece «gravi indizi di colpevolezza». Vale a dire che si possono disporre intercettazioni solo se si sono già accertati i colpevoli. Il che significa che l’inchiesta dovrà essere arrivata a un punto tale che di solito comporta la richiesta di misure cautelari o addirittura la chiusura delle indagini. In altre parole, si sarebbe già arrivati a un punto di accertamento che rende le intercettazioni o superflue o del tutto inutili.

Cosa vuol dire?

Siccome l’emendamento dice che l’intercettazione è consentita solo «quando è assolutamente indispensabile ai fini della prosecuzione delle indagini», vuol dire che l’intercettazione in pratica non sarà mai data. Escluso il perimetro dei reati di mafia e terrorismo, bloccando di fatto le intercettazioni in tutti gli altri casi, si finisce per buttare a mare la sicurezza dei cittadini, la possibilità stessa di difenderli efficacemente dalle aggressioni di ogni sorta di delinquenza.

Ritorniamo però al diritto dei cittadini alla riservatezza. Riconosce che c’è un problema?

Guardi, le ripeto qui quello che ho detto ufficialmente. Certo che le intercettazioni sono uno strumento particolarmente invasivo. La loro utilizzabilità deve però, proprio per questo, essere rigorosamente circoscritta nell’ambito penale ai fini dell’accertamento della verità processuale. Occorre cioè impedire l’utilizzazione e la pubblicazione delle intercettazioni riguardanti fatti non pertinenti all’indagine o relativi a soggetti estranei al processo. Ma, oltre questi limiti, gli impedimenti all’uso dello strumento delle intercettazioni equivalgono a preferire – ad un’Italia delle regole – un’Italia delle impunità.


Pubblicato su A Sud Europa, settimanale del Centro Studi Pio La Torre.


vedi anche editoriale di Roberto Morrione sul provvedimento del Governo in tema di intercettazioni




I più letti

SetteGiorni