Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

“L’Arte Contemporanea e il Sacro” al Museo Diocesano di Catania

sabato 31 gennaio 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Si inaugura alle 18 di domani pomeriggio (domenica 1° febbraio), al Museo Diocesano di Catania, la mostra “L’arte contemporanea e il sacro”, una biennale che, coinvolgendo alcuni fra gli artisti più interessanti del panorama italiano, ha l’obiettivo di realizzare una collezione di arte moderna all’interno delle prestigiose sale del Museo.

Un allestimento di grande suggestione quello proposto dal Diocesano dove le opere d’arte sacra - ori, argenti, paramenti e pregevoli dipinti del seicento - dialogano con i linguaggi e le formule stilistiche dei quattro artisti contemporanei invitati a questa seconda edizione.

Sono il romano Franco Sarnari, i catanesi Giuseppe Puglisi e Piero Zuccaro e il viareggino Piero Vignozzi, uno dei massimi esponenti dell’arte contemporanea. I primi tre fanno parte del celebre “Gruppo di Scicli”, una scuola di pittori celebrata già da Renato Guttuso e che da quasi trent’anni fa base nell’elegante paesino della provincia di Ragusa. Fra i suoi fondatori il maestro Piero Guccione e lo stesso Sarnari. Protagoniste dell’esposizione – curata dal critico d’arte Giuseppe Frazzetto - saranno ventiquattro opere che collezionisti privati di Firenze, Padova, Treviso e Catania hanno prestato per l’occasione al Museo Diocesano. La mostra resterà aperta fino al 28 febbraio.

Per tutto il mese di febbraio, in occasione della biennale d’arte contemporanea, si potrà accedere al Museo Diocesano con un unico biglietto ridotto di euro 2.50.

Orari mostra: dal lunedì al sabato, dalle 9 - 17.


"Il Gruppo di Scicli" - notizie

"Il Gruppo di Scicli", una realtà siciliana di grande interesse artistico-culturale, è stato oggetto di diverse mostre tra cui quelle al Palazzo Sarcinelli del Comune di Conegliano (Treviso) e al Centro Culturale Le Ciminiere del Comune Catania. Nel 2003 il Senato della Repubblica ha acquistato una serie di opere realizzate da artisti del gruppo, e tra queste un’opera di Sarnari, per inserirle nella collezione permanente di Palazzo Madama a Roma.


“L’Arte Contemporanea e il Sacro” al Museo Diocesano di Catania - notizie

Il Museo Diocesano, da sempre impegnato nella sensibilizzazione della comunità siciliana ai beni culturali e aperto alla divulgazione dell’arte contemporanea attraverso un fitto e proficuo dialogo con gli artisti, ha avviato nel 2006 il progetto "L’Arte Contemporanea e il Sacro", una rassegna biennale dove il tema del “sacro” è declinato di volta in volta secondo i linguaggi più moderni dell’arte figurativa.

Gli artisti invitati espongono le loro opere all’interno del Museo: il percorso espositivo proposto si inserisce e fa da contrappunto a quello proprio del museo costituito da argenti e arredi sacri così da realizzare un itinerario in cui arte antica e contemporanea convivono.

La prima edizione del progetto "L’Arte Contemporanea e il Sacro" è stata realizzata nel 2006 ed ha visto la partecipazione dei maestri Antonio e Tano Brancato le cui opere erano ispirate al Vecchio e al Nuovo Testamento. Parte delle opere esposte durante le biennali vengono donate al Museo Diocesano con l’obiettivo di realizzarne la Sezione di Arte Contemporanea.


Il Museo Diocesano

Inaugurato il 1° febbraio del 2001 il Museo Diocesano di Catania, ospitato nel salotto barocco della città, in Piazza Duomo, è il più moderno fra i musei del territorio. Un attento restauro dell’ “Antico Seminario dei Chierici al Duomo” ha restituito alla comunità uno spazio eclettico e dinamico che si presta a molteplici eventi: scrigno di pregevoli opere d’arte, ma anche luogo deputato all’incontro della comunità con convegni, seminari, rassegne artistiche e concertistiche. Al suo interno infatti ci sono eleganti sale polifunzionali, un tranquillo cortile e una caffetteria dove consumare anche pasti veloci. Senza dimenticare le due suggestive terrazze da cui è possibile ammirare con una inusuale prospettiva, le meraviglie della Catania barocca. A cominciare da Porta Uzeda.

La collezione del Museo Diocesano è costituita dagli arredi liturgici della Cattedrale di Catania: argenti, paramenti, arredi lignei, dipinti e opere provenienti dalle chiese della diocesi.

Dalla sua inaugurazione, il Museo Diocesano segna un costante numero di visitatori: circa 15 mila l’anno con picchi di massima presenza in occasione di grandi eventi legati al mondo dell’arte. Come è accaduto lo scorso anno con la mostra “Agata Santa: storia, arte, devozione”.

Fra gli eventi di rilievo, ricordiamo:

- “Ecclesiam Dilexi ”: mostra di arredi, argenti, parati provenienti da chiese della diocesi

- “Ad perpetuam rei memoriam”: mostra in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali, prima organica applicazione dell’intesa tra la Conferenza Episcopale Siciliana e la Regione Sicilia per la salvaguardia dei beni culturali di interesse religioso.

- “I Colori del Sacro nell’illustrazione per l’infanzia”, Rassegna internazionale prodotta dal Museo Diocesano di Padova

- Simposio: I Beni Culturali Ecclesiastici: memorie del passato, argomentazioni del presente, prospettive per il futuro”

- “Un Museo per la Chiesa del 2000 esperienze e standard a confronto”, IV convegno nazionale AMEI Associazione Musei Ecclesiastici Italiani

- L’invisibile: immagini fotografiche dal micro al macro”, mostra fotografica

- L’arte contemporanea e il sacro – Antonio e Tano Brancato

Oltre ad eventi che sono strettamente connessi alle attività di studio, ricerca e divulgazione, il Museo Diocesano di Catania ospita eventi che lo autofinanziano.

Portfolio

l'artista Giuseppe Puglisi durante l'allestimento



I più letti

SetteGiorni