Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

La legalità con gli occhi del fanciullino/I.C. Brancati

giovedì 5 marzo 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

A paci

A paci è na lucenti parola,
comu nà stidda nfucata
comu nà vita priziusa,
comu nu fioccu di nivi
ca ni casca ncoddu.
A paci ccià essiri ntra tuttu lu munnu!

Gli alunni di I A Sc. Secondaria di I grado


Nu munnu novu

Oggi vulemu nu munnu novu,
nu munnu pulitu,
pulitu nà l’aria,
nà l’acqua,
ma cchiassai ntra lu cori,
nu munnu basatu supra l’amuri,
supra l’amicizia,
supra a gioia.
No all’armi,
no a violenza,
no a sfrinata putenza.

Gli alunni di III A Sc. Secondaria di I grado a cura della prof. Lisi Rosalia


Non è giusto rubare le penne

Non è giusto rubare le penne, le matite e le merende ai compagni a scuola.
Non è giusto buttare le carte ed i rifiuti fuori dai contenitori.
Non è giusto rubare.
Non è giusto fare le rapine perché si rischia la galera.
Non è giusto uccidere.
Non è giusto drogarsi perché si muore.
Non si corre con la macchina e con il motorino.
Non si fa il “matelico” (cioè il prepotente).
Non si uccidono gli esseri viventi.
Non si mandano altre persone per uccidere.
Non si beve neanche nei bar quando si guida.
Non si bruciano le case e le persone.
Non si toccano i fili elettrici o si rubano perché si muore.

Nunzio Di Dio IV C – Sc. Primaria


La legalità

In classe, insieme alla maestra, abbiamo discusso che noi bambini abbiamo tante regole e non possiamo fare tutto quello che vogliamo. Noi bambini dobbiamo solo ubbidire, mentre i grandi possono fare quello che vogliono. La maestra, però, ci ha detto:- Immaginate mamma e papà che non vanno a lavorare, non badano più a voi bambini. Che cosa succederebbe?- Abbiamo allora capito che i grandi devono seguire molte più regole di noi e ci siamo resi conto che senza queste regole il mondo sarebbe nel caos.

Alessandra Battiato Classe terza sez. A


Il mondo attorno a noi è pieno di regole che tutti noi dobbiamo rispettare per renderlo migliore. Ogni bambino deve rispettare tante regole: andare a scuola perché la scuola serve a imparare; fare i compiti assegnati; lavarsi le mani prima di mangiare perché, in base a quello che si è toccato, si possono lasciare i germi; lavarsi i denti dopo aver mangiato perché allora spuntano delle carie; riordinare la stanza per essere più ordinati; andare a letto quando lo dicono i genitori perché dormire serve al cervello; non disubbidire ai genitori, alla maestra. Tutti devono rispettare le regole, anche gli adulti perché senza regole il mondo sarebbe nel caos totale. Invece, gli adulti spacciano, uccidono, corrono come pazzi con la macchina e investono le persone. Basta un po’ di volontà, basta un piccolo segno d’amore per rendere il mondo più bello.

Francesco Filistad Classe terza sez. B


Le regole da rispettare tutti i giorni sono tantissime: non si deve rubare, cioè prendere le cose degli altri, non si deve uccidere, non si deve correre veloci per strada, non si deve urlare a casa, non si devono fare dispetti, non dobbiamo fare quello che si vuole a scuola, non dobbiamo buttare le carte per terra, non fare male ai compagni, non pestare i fiori e non rompere i giocattoli degli altri. Solo così possiamo vivere bene.

Letizia Ferlito Classe terza sez. B


Ognuno di noi, bambino o adulto, deve rispettare le regole. Ci sono regole ovunque: a casa, a scuola, sulla strada, anche nei giochi. A casa noi bambini dobbiamo andare a letto quando lo dicono i genitori, lavarci i denti dopo mangiato, lavarci le mani prima di mangiare il cibo, non guardare per troppo tempo la televisione, riordinare la stanzetta, eseguire i compiti, ascoltare la mamma e il papà. A scuola non dobbiamo farci rimproverare dalle maestre, dobbiamo essere gentili con i compagni, stare attenti alle spiegazioni, fare i compiti, non buttare la carta a terra, non pasticciare o rompere i banchi. Per strada dobbiamo rispettare i segnali, attraversare sulle strisce pedonali, camminare sul marciapiede. Riccardo Ferlito Classe terza sez. B


Anche per strada dobbiamo seguire le regole, ma molte persone non lo fanno e così succedono tanti incidenti. Molti ragazzi con il motorino non mettono il casco, non si fermano con il rosso, sorpassano da tutti i lati, corrono come tanti pazzi. Come sarebbe bello se tutti rispettassero le regole stradali! Erika Testa Classe terza sez. A


Tutti noi, piccoli e grandi, dobbiamo rispettare le leggi che ci dicono cosa dobbiamo fare e cosa non dobbiamo fare. I poliziotti controllano e ci fanno rispettare le leggi. Ma ci sono molte persone cattive che non rispettano le leggi, si drogano, si ubriacano, sparano, uccidono, rubano le cose degli altri e fanno male alle altre persone, entrano nelle case dei vecchietti e tolgono i soldi. Non è giusto perché fanno piangere tante persone che fanno tanti sacrifici per vivere. Tutti noi dobbiamo seguire le leggi così possiamo vivere in pace. Alessia Nicosia Classe terza sez. B


Attorno a noi ci sono alcune persone che non rispettano le leggi. Ci sono persone che rubano i fili di rame così nelle strade non c’è la luce. Ci sono persone che entrano nelle case e rubano. Ci sono persone che scippano i vecchietti quando prendono la pensione. Ci sono persone che vendono la droga ai ragazzi e li fanno morire. Ci sono persone che ammazzano le altre persone. Io dico a queste persone di cambiare la loro vita per vivere in pace con gli altri. Desirèe Fassari Classe terza sez. B


Un bambino o un genitore deve seguire delle regole che servono per convivere bene e in pace. Ci sono delle regole per tutto, per la strada, per la scuola, a casa, anche per i giochi: ovunque ci sono le regole da rispettare. Se non ci fossero le regole, il mondo sarebbe sempre in guerra. Sabrina Santonocito Classe terza sez. A


I mafiosi sono persone che sembrano buone, ma in realtà sono cattive perchè non rispettano le leggi, rubano, rapiscono i bambini, uccidono sia i bambini che i grandi, sparano senza pensare se ci sono persone innocenti. Loro vogliono diventare ricchi e non pensano agli altri. Giulia Maugeri Classe terza sez. A


Le persone che non rispettano le leggi sono i ladri che rubano qualsiasi cosa. Ci sono persone pericolose che fanno cose brutte come rapire i bambini come è successo a Denise: io sono convinto che sono stati gli zingari. Ci sono le persone che spacciano la droga e la vendono ai ragazzi facendoli morire. Molte persone non rispettano le leggi della strada e guidano ubriachi uccidendo tante persone che non c’entrano. Piero Giustino Classe terza sez. A


Il nostro mondo è pieno di leggi, ma ci sono molte persone che non le rispettano e fanno finta che non ci sono. Ci sono i ladri che rubano le cose. C’è chi uccide i bambini piccoli perché piangono, c’è chi si droga o beve e così uccide le persone mentre guida. Degli attentati è meglio che non ne parliamo perché muoiono tantissime persone che non c’entrano.

Michaela Cuccurullo Classe terza sez. A


Le persone che non rispettano le leggi sono i ladri che rubano i soldi, che rubano le macchine e i motorini, gli assassini che uccidono le persone. Certe persone buttano le bombe contro altre persone uccidendole e uccidendo anche tanti bambini come me. Soltanto rispettando le leggi possiamo vivere in pace.

Antonio Quartarone Classe terza sez. A


Ci sono molte persone che non rispettano le leggi. Ci sono quelli che rubano, quelli che uccidono, quelli che fanno le trappole ai bambini, quelli che rovinano la natura, quelli che sparano ai bambini, quelli che vendono la droga. Ci sono persone che si uccidono a vicenda senza motivo. Ci sono persone che sembrano brave ed educate e invece fanno cose che non dovrebbero fare. Molte persone se ne fregano di tutto, non fanno sacrifici per i figli, non rispettano il quartiere, non rispettano la fauna e la flora. Alcuni fanno ricatti per non uccidere le persone e le costringono a fare quello che vogliono. Molte persone si ubriacano, guidano la macchina e mandano gli altri all’ospedale, quando finisce bene. Ci sono quelli che fanno quello che vogliono e non ascoltano nessuno. Tutte queste persone fanno peccati e non vogliono andare in paradiso. Dobbiamo essere noi a pregare per loro per farli cambiare e farli diventare buoni.

Gianluca Di Nanno Classe terza sez. A


Le leggi si devono rispettare perché se non ci fossero le leggi sarebbe un disastro e facciamo male a noi e agli altri. Il mondo è pieno di sofferenze a causa di queste persone che non rispettano le leggi. Quelli che non rispettano le leggi sono i mafiosi che sparano, rubano, spacciano la droga, Vi do un consiglio: Non devi bere mentre stai guidando e rispetta il semaforo. Ricordiamolo: dobbiamo rispettare le leggi per vivere bene. Luca Strazzeri Classe terza sez. B

Portfolio

legalità_brancati1 legalità_brancati2 legalità_brancati3 legalità_brancati4 legalità_brancati5 legalità_brancati6 legalità_brancati7



I più letti

SetteGiorni