Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Lavori in corso: non è finita la lotta di Fava

martedì 30 dicembre 2008

Vota quest'articolo
voti:2

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

5 Gennaio ore 20.30 nella sede di CittàInsieme via Siena, 1 - Catania: Incontro Operativo dei Giornalisti di base e di tutti i cittadini interessati alla libera informazione.


Vedi anche "Lavori in corso" il primo laboratorio il 14 a CittàInsieme


Si può fare un giornale nella periferia più disgraziata di Catania, dando finalmente una voce a chi non ha parlato mai? Si può fare un quasi-quotidiano in rete, con una redazione tutta di studenti? E una radio libera, in rete? E nel quartiere cosiddetto "mafioso", quello che la città perbene considera perduto, può esserci uno spazio anche’esso libero, e un giornale? E che cosa ci vuole per impaginarlo? Programmi costosissimi e complicati, oppure esistono anche modi facili ed economici? O ancora la free-press, quella distribuita gratis ogni settimana: non è possibile a Catania, davvero? E un magazine di qualità, a colori, con firme di tutt’Italia: è vero che qui non si può proprio fare?

Tanti anni dopo la morte di Giuseppe Fava, è davvero finita la storia dei Siciliani? Del giornalismo che Fava ci ha insegnato, insieme coi ragazzi che hanno creduto in lui? Davvero non ci sarà mai altro che bavaglio, nella città dove Giuseppe Fava ha inventato il giornalismo di domani?

Catania, sembrerebbe, è una città senza Giuseppe Fava. C’è un giornale soltanto, e non è amico suo (nè della verità, nè dei cittadini). Anche il giornale "del continente" qui viene censurato: non solo "La Sicilia" tace su tante cose, ma anche "Repubblica" esce senza cronaca siciliana, per non dare fastidio. Eppure...

Eppure, alle domande di sopra, qualcuno ha già iniziato a rispondere. "La Periferica" esce da più di un anno, e trova persino pubblicità fra i negozianti di Librino (non a caso ora stanno tentando di strangolarla: ma ormai è troppo tardi). "Step1", il giornale degli studenti in rete, è una palestra di giornalismo innovativa nel panorama italiano. A San Cristoforo c’è un giornale libero, "I Cordai", e un grande spazio di ritrovo, il "Gapannone". Sul web c’è una radio libera, "Radio Zammù", anch’essa fatta dagli studenti. Un giornale oggi si può impaginare in modo svelto e facile, e senza una lira: l’ha dimostrato il gruppo di "UCuntu", e come loro si può fare dappertutto. C’è un settimanale gratuito, si chiama "Catania Possibile" e pubblica inchieste che non ci sono altrove. Un rivista di qualità, di prestigio nazionale? Si può fare anche quella, e l’ha dimostrato "Casablanca". E "Girodivite", e "Isola Possibile"? E l’elenco potrebbe continuare ancora.

Vogliamo che tutte queste risposte comincino a interagire fra loro. Abbiamo lavorato moltissimo, in questi due anni. Adesso, cominceremo a coordinarci. Chi ha fatto cose buone venga e le insegni agli altri, ed impari da loro. Scambiamoci le esperienze, questa è la strada. Chi ha detto che non si può fare informazione a Catania? Noi l’abbiamo fatta, la facciamo ogni giorno, ognuno nel settore suo. Quando saremo tutti insieme, saremo più forti di qualsiasi bavaglio. Il 5 è solo l’inizio della strada: c’incontreremo ancora diverse volte, in questo mese.

Vogliamo ricordarlo così, Giuseppe Fava. Senza grandi parole, credendo in quel che ha detto, facendo il suo mestiere.
— - L’elenco delle testate che interverranno.

- La Periferica
- I Cordai
- Step1
- UCuntu
- Casablanca
- Catania Possibile
- L’Isola Possibile
- Girodivite
- Liberainformazione

1 Messaggio




I più letti

SetteGiorni