Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Non possiamo restare a guardare

mercoledì 14 gennaio 2009, di Claudia Urzì

Vota quest'articolo
voti:5

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong
JPEG - 100.2 Kb
Foto di Daniela Pagano

Manifestazione per il popolo palestinese, Catania 10 gennaio ’09

Tengo il conto.. li conto ogni giorno. Ad oggi, siamo a 930 morti e, non so più, quanti feriti..

E il mondo sta a guardare, ancora una volta, l’ennesima.

JPEG - 75.8 Kb
Foto di Daniela Pagano

Sabato scorso, la parte “pensante” di questa città, o che conserva ancora un po’ di senso civico o, meglio ancora, che resiste e resta umana, si è data appuntamento di fronte la Villa Bellini per partecipare alla manifestazione organizzata dal Comitato di Solidarietà con il popolo palestinese. Quest’ultimo formato da varie sigle, da varie realtà.. dalla Rete Antirazzista al Movimento studentesco, dal CPOA Experia all’Open Mind GLBT, ma soprattutto dalle varie comunità di migranti che vivono a Catania: maghrebini, senegalesi, eritrei e palestinesi.

JPEG - 106.1 Kb
Foto di Daniela Pagano

Il corteo è partito con in testa lo striscione “SIAMO TUTTI PALESTINESI”, scritto in arabo e in italiano. Una grande bandiera della Palestina, tenuta dai migranti e dai locali, sfilava per la via Etnea.. Sabato pomeriggio, periodo di saldi.. la gente entra ed esce dai negozi e, forse, non si ferma neanche a sentire e, forse, non vuole vedere, non vuole capire.

Una studentessa universitaria, al megafono, scandisce slogan ma, con la voce straziata, vuole spiegare che.. il sangue dei palestinesi non è acqua.. il mondo non può restare a guardare.. Gaza è un lager a cielo aperto. E lei è palestinese.

JPEG - 84.6 Kb
Foto di Daniela Pagano

Muoiono soprattutto bambini, non arrivano più cibo e medicinali, da tre anni c’è un embargo da parte di Israele che ha ridotto la popolazione alla fame e, il governo di Tel Aviv continua a dire che, a Gaza, non c’è una crisi umanitaria..

Il popolo palestinese soffre da troppi anni, le sue giovani generazioni hanno conosciuto solo la guerra, le bombe, i check-point, il muro a Ramallah, la morte. Questa non è vita. E, adesso, anche il fosforo bianco, proibito dalle convenzioni internazionali.

Non possiamo restare a guardare.

Il corteo è stato “disturbato” da un gruppo di “bulli”, tra i quali, purtroppo, ho riconosciuto alcuni ragazzi della mia scuola (media) .. Mi sono fermata a parlare con loro, spiegando loro che, in un paese lontano chiamato Palestina, muoiono ogni giorno bambini e ragazzi della loro età che vorrebbero vedere finire la guerra,poter giocare e andare a scuola.

JPEG - 87.3 Kb
Foto di Daniela Pagano

La manifestazione si è conclusa in piazza Università con gli interventi dei vari rappresentanti del Comitato e l’intervento dell’Imam della Moschea. Parlava alla sua gente, ai suoi fedeli, spiegava, e mostrava due grandi cartelli con le foto di ciò che in questi giorni succede a Gaza e che, televisione, giornali, non stanno mostrando. L’informazione, le immagini di questa tragedia, ancora una volta viaggiano su internet.

Il prossimo appuntamento è a Roma, in piazza Vittorio ore 15.30, sabato 17 gennaio, per la manifestazione nazionale per la Palestina.

Restiamo umani.

Portfolio

Foto di Daniela Pagano Foto di Daniela Pagano Foto di Daniela Pagano Foto di Daniela Pagano



I più letti

SetteGiorni