Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Oliva (MpA), “Gattopardesco il patto occulto Pignataro-Pdl”

domenica 9 gennaio 2011

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Senatori e deputati nazionali e regionali del Mpa si sono dati convegno a Caltagirone per denunciare, con “La smascherata di Carnevale” quello che il sen. Enzo Oliva ha definito “L’occulto patto consociativo tra il sindaco Franco Pignataro e il Pdl”. Dopo un incontro nel teatro Politeama cui erano presenti tra gli altri, il capogruppo del Mpa alla Camera, l’on. Carmelo Lo Monte, l’on. Giuseppe Reina, della direzione nazionale del partito, i deputati regionali Nicola D’Agostino e Riccardo Minardo, la manifestazione si è spostata all’esterno, dove alcuni simpatizzanti del Mpa hanno ballato indossando le maschere di esponenti del Pdl, tra cui il sen. Pino Firrarello e l’on. Giuseppe Castiglione, e dei “dissidenti” del Pd, come il sen. Enzo Bianco e il sindaco di Caltagirone Pignataro. Poi, in un gazebo aperto sotto la statua di don Luigi Sturzo, è stata lanciata una campagna di firme in favore delle Riforme avviate dal governo regionale guidato da Raffaele Lombardo. Il Gazebo è stato chiuso alle 13 e subito la raccolta di firme è proseguita porta a porta nei vari quartieri della città e si protrarrà anche nella giornata di domani. Gli organizzatori hanno annunciato che in serata renderanno noto il numero delle firme fino a quel momento raccolte. “Oggi – ha detto il sen. Oliva – a Caltagirone si confrontano due modi di vedere la politica: quello nostro e del Pd, rivoluzionario perché, alla luce del sole, abbiamo stretto un patto per le riforme nell’interesse dei siciliani, e quello antico del consociativismo, che consente, tra ipocrisie e snobismi, grandi proclami e strenue e fittizie lotte, di lasciare che tutto cambi perché il mondo rimanga com’è. E’ grazie a questa logica gattopardesca che i ‘duri e puri’ di Pignataro e Cardiel possono fingere di contrastare e poi andare a braccetto con i berlusconiani locali. E spartirsi con loro il potere ai danni del cittadino”.

- Caltagirone, PD commissariato: partito allo sbando




I più letti

SetteGiorni