Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

PDCI su parcheggi piazza Europa: la politica non interferisca con indagini

martedì 27 gennaio 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

“Ci risiamo: la politica tenta di entrare a gamba tesa nelle indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Catania in merito alla realizzazione dei parcheggi sotterranei”.

Lo afferma Massimo Mingrino, componente della segreteria provinciale dei Comunisti italiani, a proposito della richiesta rivolta dall’onorevole Salvo Fleres, del Pdl, al ministro Alfano perché invii gli Ispettori ministeriali a verificare lo stato delle indagini. Mingrino ricorda che per il parcheggio di piazza Europa sono indagati l’ex sindaco Scapagnini e altri importanti funzionari ed ex funzionari comunali accusati di “reati gravissimi contro la Pubblica Amministrazione, quali l’abuso d’ufficio aggravato e continuato” e aggiunge che “la realizzazione di questi parcheggi, contrariamente a quanto sostenuto da Fleres, non avrebbe avuto alcuna ripercussione positiva per la viabilità e per la salute dei cittadini catanesi i quali, secondo un recentissimo studio di “Ecosistema urbano”, godono di uno splendido terz’ultimo posto in Italia come qualità dell’aria che respirano”, con la conseguente diffusione di “malattie collegate alle concentrazioni di PM 10”. Per il dirigente del Pdci, “Catania ha bisogno di una profonda ridefinizione delle modalità di trasporto urbano che individuino, al contrario di quanto afferma Fleres, nel trasporto pubblico lo strumento principale, accompagnato dall’attivazione dei parcheggi scambiatori già esistenti e dalla realizzazione di nuovi in zone strategiche. Il tutto condito dalla chiusura di un’ampia zona del centro al traffico veicolare privato e, ovviamente, da un’implementazione dei mezzi pubblici”.




I più letti

SetteGiorni