Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

PDCI su proposta La Rosa per incremento fondi oratori

mercoledì 11 marzo 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

“Ci sono diversi modi di intendere un Comune e la sua gestione: a) come una diligenza carica di denaro, senza scorta, da assaltare prima di altri e con maggiore determinazione; b) come un Ente che deve gestire saggiamente i soldi di tutti e garantire i migliori servizi possibili per tutti con particolare attenzione per i più deboli”. Lo ha detto Salvatore La Rosa, segretario provinciale dei Comunisti italiani di Catania, criticando la proposta avanzata al sindaco di Catania dal vicepresidente del consiglio comunale, Puccio La Rosa, per sollecitare il potenziamento dei fondi per gli oratori cittadini. “In questo momento – ha aggiunto il segretario del Pdci catanese - il Comune di Catania vive una fase che definire estremamente difficile è un eufemismo, inutile ricordare ciò che è sotto gli occhi di tutti, dalle strade dissestate alla mancanza di servizi essenziali, eppure c’è ancora chi non rinuncia alla logica dell’arrembaggio”. Il dirigente comunista si rivolge quindi direttamente al presidente del consiglio comunale con una domanda: “Onorevole La Rosa, e se invece di finanziare gli oratori cattolici (privati) utilizzassimo le scarne risorse disponibili per centri sociali pubblici, disponibili per tutti con personale pubblico (zero costi), che dessero finalmente il senso di una presenza pubblica nei quartieri più deprivati della città?”


vedi anche
- Il comune cerca fondi per gli oratori (cattolici) mentre cerca di chiudere i centri sociali (laici)




I più letti

SetteGiorni