Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

“PINOCCHIO NEL PAESE SENZA DIRITTI”

I bambini inventano una storia con i loro disegni

venerdì 25 febbraio 2011

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Pinocchio era diventato un bambino capriccioso. Quando Geppetto preparava da mangiare non voleva mangiare,e cominciava a gridare:-Voglio il gelato oppure una merendina al cioccolato! La mattina non voleva andare a scuola. Geppetto gli diceva:-Alzati ,devi andare a scuola!-e lui rispondeva:- No…io rimango a letto. La fata Turchina per punire Pinocchio lo fece diventare burattino e lo mandò nel paese”Senza Diritti”. Pinocchio ,arrivato al Paese, vide che non c’erano scuole e cominciò a dire:-Evviva in questo posto non ci sono scuole!!!_ Per strada incontrò il gatto e la volpe che gli dissero di lavorare con loro:-Ti Faremo diventare ricco e guadagnerai tanti soldi per Geppetto!- .In realtà il gatto e la volpe lo volevano portare a lavorare nei campi ,senza pagarlo. Pinocchio accettò e fu messo insieme a tanti altri bambini piccoli a raccogliere i fiori . Dovevano lavorare tutta la giornata senza potersi riposare,né potevano andare a giocare o a studiare nel Paese Senza Diritti Pinocchio e i bambini dicevano: -Ahi!Ho la schiena rotta!Ho fame! -Ci daranno solo una ciotola di riso! -Sono stanco! Pinocchio pensò:-Meglio la scuola!!!!-Per la fatica di questo lavoro così pesante si ammalò,ma nel paese Senza Diritti non c’erano le medicine e così si mise a piangere perché si ricordò di quando lui era malato e Geppetto gli preparava il latte caldo. La Fata Turchina allora si commosse e lo fece tornare a casa e lui promise a Geppetto di non fare più capricci e ogni giorno metteva dei soldini nel salvadanaio e pensava:-Ora con i soldini che ho messo da parte posso aiutare i bambini del Paese “Senza Diritti”.

I.C.S.”SAN GIORGIO” CLASSI TERZE LEGALITA’:I DIRITTI DEI BAMBINI

Portfolio




I più letti

SetteGiorni