Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Rifondazione Comunista: Comunicato stampa su Teatro Bellini

venerdì 20 marzo 2009

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Il teatro Massimo Bellini è allo sbando.

Dopo un anno di gestione dell’avv. Fiumefreddo e di litigi tra i partiti del centro destra, il Teatro Massimo Bellini ha toccato il fondo.

Mai si era vista una conflittualità così accesa e motivata tra il sovrintendente e le organizzazioni sindacali,, che hanno rifiutato persino di sedersi al tavolo con Fiumefreddo, contestando gli sprechi e sperperi della sua gestione, contr la quale hanno ripetutamente proclamato lo stato di agitazione e lo sciopero dei lavoratori.

Il rappresentante della provincia nel consiglio di amministrazione del teatro Bellini, oggi, nel corso di una audizione in commissione cultura della provincia regionale di Catania, ha finalmente reso pubblici i conti, caratterizzati da un ennesimo buco finanziario: a fronte di entrate per € 4.500.000, la direzione del Teatro Bellini ha infatti accumulato debiti per € 2.500.000, cioè oltre il 55% dell’intero bilancio annuale.

Inoltre nell’anno 2008 si sono registrate spese fuori bilancio pari a € 1.600.000, causate da sperperi e spese inutili: ben 36 conferenze stampa gestite come costosi eventi (3 al mese!), mentre Fiumefreddo ha assunto ben 4 persone, costituendo un suo staff privato, nei fatti un’amministrazione parallela a quella istituzionale.

Il Teatro ha praticamente vissuto con il solo contributo della regione Sicilia, nulla è arrivato dal comune di Catania, nonostante Stancanelli ne sia il presidente del consiglio di amministrazione, mentre la provincia ha finanziato l’attività lirica e sinfonica con € 100.000, un importo meno che simbolico.

La gestione Fiumefreddo non può che essere quindi considerata fallimentare.

Occorre adesso nominare un sovrintendente competente, in grado di rilanciare l’attività lirica e sinfonica di un Teatro che è stato inopinatamente trasformato in una segreteria politica.

Il Comune e la Provincia devono concretamente partecipare al rilancio del Teatro Bellini, impegnando risorse e mezzi, indispensabili per elevare la qualità degli spettacoli.

Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Catania

Il segretario della federazione provinciale
Pierpaolo Montalto

il responsabile politiche comunali
Marcello Failla

il consigliere
Valerio Marletta




I più letti

SetteGiorni