Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

ISTAT: Sicilia seconda regione per incremento esportazioni all’estero

martedì 14 dicembre 2010, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

L’asticella delle esportazioni all’estero in Sicilia segna per il periodo gennaio/settembre un incremento del 42,7 per cento con un fatturato di 6.568 milioni di euro rispetto ai 4.603 milioni dello stesso periodo del 2009, questi i dati secondo l’ultima rilevazione Istat relativa alle esportazioni nelle regioni italiani.

La Sicilia si posiziona in questo modo al secondo posto, subito dopo la Sardegna (+56,9%), tra le regioni che più hanno incrementato le loro esportazioni. I Tra i beni che hanno decretato il successo dell’esportazione siciliana troviamo quelli relativi ai settori della pesca, agricoltura e silvicoltura (44%) e ai prodotti petroliferi raffinati e al coke (44%). Il maggiore incremento percentuale è stato invece realizzato dai beni realtivi al legno e i prodotti in legno (218%, escluso i mobili che anzi hanno subito un decremento) e ai prodotti dall’estrazione di minerali da cave e miniere (129%).

Nell’area meridionale e insulare il consistente incremento delle esportazioni (più 25,5 per cento) è nettamente superiore per l’area extra Ue (più 34,6 per cento) rispetto all’area comunitaria (più 18,7 per cento). Verso l’area extra Ue risultano particolarmente dinamiche le esportazioni verso i paesi Mercosur, la Russia, i paesi ASEAN e la Turchia; le esportazioni verso l‘India registrano invece una flessione. Verso i paesi Ue incrementi rilevanti si registrano per Spagna e Paesi Bassi; i flussi diretti verso la Polonia, invece, registrano una flessione. Tra i primi nove mesi del 2009 e il corrispondente periodo del 2010 l’area meridionale ha registrato la migliore performance e ha visto incrementare di oltre un punto percentuale l’incidenza delle esportazioni sul totale nazionale (dal 10,2 all’11,3 per cento). L’incremento della quota delle vendite ha interessato soprattutto i paesi extra Ue (dal 10,6 al 12,3 per cento).

Esportazioni per ripartizione territoriale e regione. Gennaio-settembre 2009 e 2010
2009 2010
Milioni di euro Quote % Milioni di Euro Quote % Variazioni %
Piemonte 21.613 10,0 24.967 10,1 15,5
Valle d’Aosta 312 0,1 459 0,2 47,2
Lombardia 60.864 28,3 68.258 27,7 12,1
Liguria 4.225 2,0 4.415 1,8 4,5
Trentino-Alto Adige 3.742 1,7 4.464 1,8 19,3
Bolzano-Bozen 1.989 0,9 2.389 1,0 20,1
Trento 1.753 0,8 2.075 0,8 18,4
Veneto 29.142 13,5 33.367 13,6 14,5
Friuli-Venezia Giulia 8.101 3,8 8.625 3,5 6,5
Emilia-Romagna 27.216 12,6 31.221 12,7 14,7
Italia centrale 33.494 15,6 38.988 15,8 16,4
Toscana 16.913 7,9 19.276 7,8 14,0
Umbria 1.911 0,9 2.320 0,9 21,4
Marche 5.949 2,8 6.640 2,7 11,6
Lazio 8.721 4,0 10.752 4,4 23,3
Abruzzo 3.847 1,8 4.572 1,9 18,9
Molise 319 0,1 319 0,1 0,1
Campania 5.823 2,7 6.797 2,8 16,7
Puglia 4.106 1,9 5.033 2,0 22,6
Basilicata 1.171 0,5 971 0,4 -17,0
Calabria 237 0,1 234 0,1 -1,0
Sicilia 4.603 2,1 6.568 2,7 42,7
Sardegna 2.370 1,1 3.718 1,5 56,9



I più letti

SetteGiorni