Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la cittÓ dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicitÓ

Sp Nuoto: Aurelio Scebba ritorna alle pendici dell’Etna

lunedì 15 giugno 2009

Vota quest'articolo
voti:1

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Dopo una stagione trascorsa nel Brixia Brescia la SP Energia Siciliana Nuoto Catania, “riabbraccia” Aurelio Scebba.

Catanese doc, 23 anni, attaccante, alto 190 cm. per 83 chilogrammi di peso forma, Aurelio Scebba ha firmato un contratto triennale.

“Sono molto contento di ritornare nella mia cittÓ e nel mio ambiente –commenta raggiante Scebba che con la calottina rossoazzurra ha giÓ giocato tre stagioni in A1-. Ho subito sposato con entusiasmo il progetto della societÓ che vuole tornare in A1 con le migliori espressioni locali. Mi piacciono le sfide e voglio essere tra quelli che riporteranno Catania nella massima serie della pallanuoto. Sono felice anche di ritrovare tanti compagni con cui ho condiviso in passato momenti belli e importanti e, in particolare, Giuseppe Dato, chiamato oggi a guidare la squadra dalla panchina e con il quale ho sempre avuto un rapporto fantastico”.

“Per noi si tratta di un ingaggio molto importante che si inserisce alla perfezione nel programma che abbiamo stilato per la prossima stagione in A2 –commenta il direttore generale Francesco Scuderi-. Conosciamo molto bene il giocatore e le sue grandi qualitÓ tecniche ed umane. L’esperienza maturata nel corso dell’ultima stagione in un club importante non pu˛ che avergli fatto bene. Scebba farÓ parte di quel gruppo di giocatori catanesi esperti a cui verranno affiancati giovani promettenti e qualche straniero. Dopo l’amara retrocessione della scorsa stagione confermiamo insomma la voglia di ripartire alla grande per tornare al pi¨ presto ai massimi livelli della pallanuoto“.




I pi¨ letti

SetteGiorni