Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Teatro Bellini: il copione si ripete. Lombardo respinge le dimissioni di Fiumefreddo

martedì 24 febbraio 2009, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:3

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Come in una commedia già scritta la scena delle dimissioni di Fiumefreddo si ripete identica a distanza di meno di 2 mesi. Nella Sicilia in cui raramente le dimissioni sono irrevocabili ma molto più spesso indicano una facile strategia di accentramento di poteri e imbavagliamento delle voci dissonanti, assistiamo ancora una volta alla annunciata e apparente vacatio della sovrintendenza del Bellini immediatamente seguita dall’attestato di stima del presidente della Regione Raffaele Lombardo. Insomma, anche stavolta, dimissioni respinte.

“Comprendo e apprezzo - ha detto il presidente della Regione - la competenza dell’avvocato Fiumefreddo, e per questa ragione voglio impedire che venga interrotto il percorso di rilancio intrapreso, in analogia a quanto sta avvenendo in altre amministrazioni. Devo pertanto richiamarlo a rispettare l’impegno assunto di portare a termine il mandato assegnatogli. La Regione Siciliana – ha aggiunto Lombardo – ha bisogno che enti e istituzioni culturali si aprano sempre più alle comunità, per trasferire e diffondere quelle energie positive necessarie a creare appartenenza civica e migliori condizioni di benessere. Fiumefreddo è stato in tal senso precursore e artefice di una stagione significativa che mi auguro possa continuare in sinergia con il nuovo consiglio d’amministrazione”.

“Perciò – ha concluso Lombardo – il governo regionale seguirà con maggior attenzione le vicende del Teatro, anche perché le incomprensioni insorte possano essere stabilmente superate”.

Per restituire al lettore un quadro ancora più chiaro della situazione occorre ricordare una breve cronologia degli incarichi dell’Avv. Fiumefreddo.

- Luglio 2000: Nominato Assessore alla Cultura dal sindaco di Catania Umberto Scapagnini (Vicesindaco è Raffaele Lombardo)
- Aprile 2004: Nominato esperto per le Politiche Turistiche da Raffaele Lombardo che intanto è diventato Presidente della Provincia di Catania.
- Maggio 2005 Candidato sindaco (sconfitto) alle comunali con una sua lista civica "evviva Catania"
- Maggio 2007: La Giunta Regionale lo nomina Sovrintendente del Bellini mentre Lombardo è ancora Presidente della Provincia di Catania, ma soprattutto è assessore regionale ai Beni Culturali.
- Aprile 2008: Candidato (non eletto) al Senato della Repubblica nelle file del Mpa, movimento fondato e guidato da Raffaele Lombardo.
- Sempre ad Aprile del 2008, l’Avvocato Fiumefreddo, riceve mandato da Raffaele Lombardo di querelare il Corriere della Sera in seguito all’inchiesta sui file rintracciati su Emule denominati il "libro mastro dei favori".


vedi anche
- Teatro Bellini: Si dimette Fiumefreddo, ancora una volta
- Fiumefreddo si dimette, anzi no!
- Lombardo respinge dimissioni Fiumefreddo
- Teatro Bellini: Fiumefreddo rimette il mandato

3 Messaggi del forum




I più letti

SetteGiorni