Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Ucciso importante esponente Santapaola in via Zia Lisa

Raimondo Maugeri, 47 anni, era ritenuto il reggente dei Santapaola al Villaggio Sant’Agata

venerdì 3 luglio 2009

Vota quest'articolo
voti:1

Vedi on line : Antimafia Duemila

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Agguato stamane a Catania in Via Zia Lisa 23. Raimondo Maugeri, 47 anni, mentre guidava il suo ciclomotore, è stato raggiunto al torace da 5 colpi di pistola sparati da due uomini a bordo di una moto di grossa cilindrata. Maugeri, nonostante le gravi ferite, è riuscito a trovare rifugio in un deposito di ferro usato, ma è deceduto poco dopo.

Stanno conducendo le indagini i carabinieri del comando provinciale di Catania coordinati dal sostituto procuratore Giuseppe Gennaro. Maugeri era ben noto alle forze dell’ordine perché ritenuto un “elemento di grosso spessore criminale”, reggente della cosca Santapaola nel rione Villaggio Sant’Agata di Catania. Più volte era finito sotto indagine ed arrestato per associazione mafiosa. Quattro anni fa Maugeri era sfuggito ad un’imboscata tesa da una fazione della sua stessa famiglia che lo riteneva colpevole di invadere luoghi di propria pertinenza. Il piano fu però sventato dal pronto intervento dei Ros. E’ da diverso tempo che i carabinieri tengono sotto controllo le attività del gruppo Santapaola del rione Villaggio Sant’Agata. Il clan era intercettato nell’ambito dell’inchiesta “Arcipelago 2”. Le attenzioni delle forze dell’ordine si sono poi intensificate dal 6 giugno 2002 con l’omicidio di Domenico La Spina, a quel tempo reggente del quartiere Zia Lisa. Il procuratore di Catania, Vincenzo D’Agata, ritiene che il delitto di Maugeri sia d’alto livello e che le ricadute non siano al momento ipotizzabili. E’ presto per dire se si aprirà a Catania una nuova guerra di mafia, ha aggiunto il procuratore. “Se ci sarà una rappresaglia per vendetta allora si aprirà una faida; se invece non accadrà alcunché significherà che è un omicidio di pulizia interna alla stessa cosca Santapaola” ha concluso D’Agata.




I più letti

SetteGiorni