Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Un tetto per i locali della Chiesa al Pigno

L’opera realizzata grazie alle raccolte fondi

venerdì 11 marzo 2011, di Orazio Montagno

Vota quest'articolo
voti:1

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

La nascita della chiesa di San Giuseppe al Pigno, s’intreccia strettamente alla storia del villaggio - "Pigno" - sorto intorno alla fine degli anni Cinquanta per ospitare immigrati provenienti per lo più dal centro della Sicilia, in un flusso sempre più consistente. Tanto che l’autorità ecclesiastica decise di occuparsi delle esigenze religiose del nuovo quartiere e diede inizio alla costruzione di questa chiesa inaugurata nel 1968.

La struttura da quella data è rimasta come allora, tranne qualche parziale intervento operato esclusivamente con i fondi raccolti da Padre Gilbert Mukanda, l’attuale guida spirituale della comunità, spronando i fedeli all’acquisto dei biglietti per i sorteggi dei manufatti realizzati, spesso,dagli stessi abitanti del quartiere o donati alla Parrocchia.

Altri fondi sono stati raccolti nello stand adibito per parecchi mesi nel nuovo centro commerciale "Porte di Catania" adiacente il quartiere, grazie alla donazione di uno spazio da parte del direttore del centro e al lavoro dei numerosi volontari che a a turno presiedevono lo stand.

Grazie a questi fondi si è potuta realizzare la copertura dei locali accanto alla chiesa. Questi verranno utilizzati da laici e gruppi giovanili per le loro attività. Purtroppo il bellissimo progetto dell’oratorio, realizzato da un architetto per conto della Curia catanese, è rimasto ancora solo nella carta.




I più letti

SetteGiorni