Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

Una "trilogia della tradizione" per il riscatto di Librino

martedì 24 marzo 2009, di Roman Henry Clarke

Vota quest'articolo
voti:0

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Nel suo secondo anno di vita, l’associazione culturale "Terre forti" di Librino ha deciso di portare in scena una "trilogia della tradizione". Una raccolta di poesie, canzoni, cunti, miniminagghie e "parità morali", in un percorso "tematico" in tre tappe sugli scritti raccolti da autorevoli studiosi come Serafino Amabile Guastella, Giuseppe Pitrè, Corrado Avolio, Lionardo Vigo. Primo appuntamento è stato "Jalofiru avvampanti": come suggerisce il titolo, "garofano rosseggiante" quale è sovente definita la donna nella cultura popolare in lingua siciliana. In tre repliche, dal 20 al 22 febbraio, la donna siciliana è stata raccontata e cantata, in tutti i suoi aspetti, dai più aulici ai più sensuali, ai più tragici, dalla recitativa multiforme di Alfio Guzzetta, e dalla voce intensa e chitarra setosa e cristallina del cantautore Gregorio Lui, con il fondamentale apporto interpretativo di Serena Guzzardie di uno staff recitativo e tecnico di prim’ordine. Una accresciuta platea di pubblico ha poi confermato il proprio gradimento al duo Guzzetta-Lui in "Le corna del diavolo", un viaggio fra novelle popolari e le vite dei Santi visti nei panni della gente comune, attraverso quei racconti che erano la base della formazione e dell’intrattenimento in quelle contrade un tempo note come "Terre forti" e il cui centro era l’attuale Librino. Infatti "Terre forti", sodalizio creativo nato a Librino per Librino, si è posto come obiettivo quello di fare da mediatore culturale e promotore artistico e sociale tra la "periferia sud" del capoluogo etneo, la città di Catania e la Sicilia e i siciliani di tutto il mondo. Dimostrare di poter fare arte e cultura a partire dalle "Terre forti", con gente originaria di quei luoghi o ad essi legati o solidali, esportandone e diffondendone i "risultati" anche portando in quei quartieri la gente che spesso li conosce per la sola, pessima, fama. Per quanto concerne il teatro, in assenza di una struttura adeguata e immediatamente ed appieno fruibile a Librino, "Terre forti" ha deciso di mettere in scena i propri spettacoli nel cuore di Catania, in quella storica "Sala Magma" situata in via Adua 3 che da oltre tre decenni fa la storia del teatro e della cultura siciliani grazie all’alacre opera della Cooperativa "La Terra del Sole" di Salvo Nicotra. Ed è alla "Sala Magma" che si concluderà, dal 27 al 29 marzo, la "trilogia della tradizione", con lo spettacolo "Emigranti". Un racconto in parallelo sulle peregrinazioni nel Mediterraneo: da un lato i siciliani, che nel 1870 videro l’apice della propria agevolata emigrazione verso la Tunisia, raccontata da Alfio Guzzetta, e dall’altro gli arrivi di oggi dal maghreb, narrati e cantati dall’artista tunisino Ramzi Harrabi. Insieme a loro, ancora Gregorio Lui, proprio in queste settimane al lavoro per ultimare la sua nuova fatica discografica. Ma con la "trilogia" non cesserà la stagione di "Terre forti": infatti, seguiranno le favole metaforiche, in una cornice di musica e danza, di "’U cantu d’ô lapuni", e la commedia "Malanova a la bruttizza", entrambi eventi destinati ad essere replicati in vari comuni siciliani. E non mancheranno le incursioni di "Terre forti" nella poesia, ancora e sempre più nella musica, così come nella fotografia e in quelle varie forme dell’arte vista non come obiettivo fine a se stesso o come pretesto per facili protagonismi o autocelebrazioni, ma quale strumento di educazione, promozione sociale e coinvolgimento. La promozione dell’arte come "arma" di resistenza, la "traduzione della tradizione" come strumento di sensibilizzazione, la promozione culturale come mezzo di riscatto. Nell’auspicio che le istituzioni possano presto dare a Librino e alle "terre forti" uno spazio-laboratorio dove poter proseguire il percorso intrapreso da questa associazione, proprio fra la gente cui è rivolto il messaggio di rinascita di questo ensemble tanto professionale quanto popolare e non elitario, aperto alla partecipazione di tutti, senza distinzione o discriminazione alcuna, che è "Terre forti".




I più letti

SetteGiorni