Settimanale di informazione sulla periferia di Catania
Librino Pigno San Giorgio Villaggio Sant'Agata Zia Lisa ...e dintorni
cronaca quartieri archivio la città dalla stampa libera avvisi&annunci lavori in corso chi siamo collegati collabora pubblicità

la Periferica Febbraio

martedì 16 febbraio 2010, di Massimiliano Nicosia

Vota quest'articolo
voti:1

  • Digg
  • Del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • Technorati
  • Live
  • Scoopeo
  • Wikio
  • Furl
  • Blogmarks
  • Reddit
  • Mister wong

Da qualche mese a questa parte la periferia sud di Catania sembra essere centro di un certo interesse. Dal punto di vista commerciale c’è molta attenzione (e per certi versi apprensione), oltre ovviamente che per le sorti della Zona Franca Urbana, verso l’apertura del nuovo ipermercato “le Porte di Catania” che pare sarà inaugurato a Marzo. Sul piano delle infrastrutture, oltre i lavori per la costruzione dell’ospedale San Marco che comunque dureranno per almeno altri 2 anni, dovrebbe finalmente sbloccarsi il completamento del primo tratto dell’asse attrezzato (e si spera possano iniziare presto i lavori per il secondo tratto), anche l’avvio del progetto Fonda-Azioni per Librino finanziato dalla Fondazione Sud, muove nel quartiere un insieme interessanti iniziative sociali, gli spettacoli teatrali “Made in Librino” dell’Associazione Terreforti e “Librino”, interpretato dal nostro Luciano Bruno e ripreso perfino dal settimanale D di Repubblica, segnano infine solo le ultime delle iniziative artistico-culturali, da Antonio Presti a Roberta Torre, che hanno come fonte di ispirazione questo quartiere.

Anche tra gli abitanti della periferia sud di Catania pare si stia cominciando a diffondere una consapevolezza diversa del proprio quartiere. Non che siano mai mancati orgogliosi “librinesi”; ma questo sentimento di orgoglio e desiderio di migliorare il proprio quartiere pare stia cominciando a diventare contagioso. Lo testimoniano le rinnovate cariche del comitato LibrinoAttivo, giovani e battagliere; lo dimostrano le iniziative messe in campo da alcuni commercianti per animare il quartiere (ho recentemente partecipato ad una simpatica festa per bambini organizzata da una intraprendente commerciante del Pigno), lo sottolinea l’immediata partecipazione del quartiere a semplici iniziative quali la sistemazione di un luogo abbandonato a piazzetta dotata di panche, scivoli e campetto da calcio. Forse questa grossa porzione di Catania sta per inaugurare definitivamente una nuova stagione.scarica il pdf




I più letti

SetteGiorni